Passa ai contenuti principali

FIFA 16 : Como - Messina



Como, doppio Falco ed il Messina è KO en FIFA 16 !

Un doppio de FUT 15 volo del falco, alias Lulù Oliveira, regala al Como 3 punti ed il 5° posto in classifica.
In un Sinigaglia pieno come non mai, con i biglietti di curva esauriti tre quarti d’ora prima del fischio d’inizio ( e a Como non si registrava da tempo !!) e con una curva ospiti gremita in ogni ordine di posto, si è potuto assistere a questa sfida tra neopromosse.

Oltre alla spettacolare cornice di pubblico, c’è da segnalare, finalmente, l’installazione dietro alle porte di gioco delle famose reti anti-oggetti, che sarebbero dovute essere pronte per l’inizio del campionato: meglio tardi che mai! !
I lariani si schierano col consueto 4-4-2, con a centrocampo (en comprare crediti fifa 16 su calciovento.com  ) , insieme al confermatissimo Ardito, Allegretti, al posto dell’infortunato Corrent (che in settimana sarà sottoposto a risonanza magnetica per sincerarsi delle condizioni del ginocchio e la cui l’assenza del si è fatta molto sentire). Difesa ed attacco confermati.
Non si può dire che la prima frazione di gioco sia stata esaltante, anzi è stata forse la più opaca esibizione casalinga dei lariani da inizio stagione : una parte delle difficoltà del Como ce l’ha avuta anche il Messina, con uno schieramento molto prudente, con 3 marcatori sempre fissi in retroguardia, a cui si aggiungevano a turno anche gli esterni di centrocampo.
Dopo soli 5 minuti è Music a crossare per Taldo, voglioso di timbrare il primo gol in campionato dopo quello segnato alla Fiorentina in settimana, ma il colpo di testa del Bomber finisce alto: sembra l’inizio di una partita giocata in scioltezza ma mai sensazione fu così errata.
Al 14’ è Buonocore a fare le prove generali del gol, con una punizione dal limite che finisce abbondantemente alta.

Segue poi una miniserie di calci d’angolo per i lariani che non sortiscono gli effetti sperati.
Si chiude con questa scarna cronaca un deludente primo tempo.
La ripresa si apre subito con un Messina più aggressivo, che sorprende un Como con la testa ancora negli spogliatoi. 

Al 2’ è un colpo di testa pericoloso di Godeas a far gridare al gol, poi ci pensa Buonocore a cercare il gol ma la sua conclusione da fuori è a fil di palo…ma come spesso succede nel calcio, nel miglior momento degli ospiti, sono i lariani a passare, col loro uomo simbolo, Lulù Oliveira.
Il Falco si avventa in area col pallone, doppio dribbling a spese di un difensore del Messina e palla dentro per l’accorrente Taldo che però viene anticipato; la palla arriva ancora sui piedi di Lulù che con una botta terrificante segna il gol dell’1-0.

Palla al centro e subito il Messina prova a pareggiare le sorti dell’incontro; prima è Godeas con un missile su punizione ad impegnare Brunner, che devia la palla sulla traversa e poi in angolo.
Poi ci pensa il Maradonino di Sicilia a riportare il Messina sull’1-1: maligna punizione, dubbia per la verità, dal limite dell’area e gol siciliano con relativa esplosione di entusiasmo in curva ospite.
Dominissini cerca allora di mischiare le carte, volendo vincere a tutti i costi la partita.
Fuori un opaco Allegretti per inserire Zanini, con spostamento di Pedone centrale.
La mossa ha l’effetto di alzare di molto il baricentro e di poter sviluppare azioni sulle fasce con relativi cross.
Al 26’ c’è l’ultima fiammata del Messina, con un angolo tagliatissimo di Buonocore che attraversa tutta l’area ma nessuno ne approfitta.

Al 39’ ecco l’azzardo giusto, fuori Terni, difensore, per Colacone, attaccante.
Al 43’ lo stadio ha strozzato in gola il boato del possibile vantaggio, quando un colpo di testa di Taldo viene prima bloccato, poi lasciato andare verso la porta dal portiere Manitta, che però all’ultimo si salva in angolo.
E dall’azione successiva, palla a Colacone, cross perfetto per la testa di Taldo, al quale il palo dice ancora di no, come 7 giorni fa a Siena, ma arriva a volo d’angelo Oliveira che insacca il gol della sacrosanta vittoria.
2-1 ed il Sinigaglia si trasforma in una bolgia, con tutti, curve, distinti e perfino tribuna in piedi a tributare l’ovazione per questa squadra, che sta risvegliano una città.
 
Triplice fischio e la testa è già a domenica, ancora la Sinigaglia, dove arriva un Vicenza umiliato per 0-5 in casa dal Modena ... con la speranza che non si sia ancora ripresa dallo shock de FIFA 16 !

COMO: Brunner, Gregori, Terni (39 s.t. Colacone), Stellini, Brevi, Ardito, Pedone, Allegretti (19 s.t. Zanini), Music, Taldo, Oliveira (45 s.t. Femiano). All. Dominissini
MESSINA: Manitta, Portauova, Di Meglio, Marra, Obbedio, Buonocore (34 s.t. Sullo), Godeas, D’Alterio, Bretoni, Gutierrez (43 s.t.), Accursi, Campolo. All. Arrigoni.

Commenti

Post popolari in questo blog

LECCE 2 - 1 VENEZIA - parte 1

Si conclude a Lecce la deludente stagione 2001/2002 dei lagunari.

Mancava solamente l'ufficialità della retrocessione, finalmente sancita dalla freddezza dei numeri. Infatti, con ben 5 giornate d'anticipo, ecco che arriva anche la matematica ad annientare le residue e fantascientifiche speranze di salvezza degli arancioneroverdi; solo con un recupero da film da Oscar il Venezia avrebbe potuto rientrare nella lotta salvezza dopo un campionato d'andata così pessimo.
A dire la verità, già nelle partite di Coppa Italia e nelle prime cinque giornate, si erano trovati preoccupanti indizi circa la fragilità di questa squadra con una sola vittoria, fra l'altro sudatissima contro l'Ascoli, all'attivo.
Si aveva in effetti la sensazione di essere retrocessi già a fine settembre dopo le due sconfitte nei minuti di recupero con Inter e Bologna: 5 partite e 5 sconfitte sono uno svantaggio, soprattutto mentale, non indifferente.
Il Venezia conclude questo campionato…

De Canio - parte 2

E a quanto pare la "cura" De Canio è servita : le ultime giornate hanno restituito ai napoletani una squadra degna d'ambizioni d'alta quota. Il tecnico però cerca di andarci piano con gli eccessivi entusiasmi che potrebbero risultare, al contrario, spiacevoli scottature. Definisce il Napoli una squadra al momento affidabile che però continua ad essere un cantiere aperto: attualmente gli sforzi più intensi del tecnico e della squadra si concentrano sulla scelta del modulo tattico più opportuno da attuare.In quest'ottica, nelle ultime giornate, gli azzurri si sono presentati in campo con un 4-4-2 (che ha esaltato soprattutto le qualità di difensori e centrocampisti) più confacente alle caratteristiche degli attuali giocatori rispetto al precedente 3-5-2 tipico delle precedenti esperienze tecniche di De Canio.Lo scopo indicato è quello di raggiungere col tempo la quadratura del cerchio: portare a casa i risultati offrendo uno spettacolo calcistico degno di una squad…

LECCE 2 - 1 VENEZIA - fin

Dopo questa introduzione parliamo della partita di Lecce che ci ha accoppato definitivamente ? Va bene, partiamo dunque dal 5' minuto con il gol di Giacomazzi.
Una azione in velocità con tanto di tunnel finale a G.Rossi … già era chiaro il futuro di questo match in cui il Lecce doveva assolutamente fare i 3 punti per sperare ancora.
Per il resto del primo tempo si è visto un Venezia in avanti ma senza pungere poi troppo, con un Di Napoli volonterosissimo ma un po' precipitoso e con un Maniero che ha giocato veramente male, forse con la testa già lontana dal Venezia con cui quest'anno Pippo chiuderà un ciclo durato 4 anni (e per Maniero questo è già tanto se pensate che fino all'approdo in laguna aveva cambiato più squadre dei suoi anni di attività calcistica). Nella ripresa ecco un'altra gradevolissima sorpresa: entra al posto di Conteh un primavera, tal Patrizio Balleello, che in soli 11 minuti di esperienza in Serie A riesce a segnare un gran gol da …