Passa ai contenuti principali

FIFA 16 : cagliari 1 1 empoli

Tutto da rifare

  • Che delusione! Ci eravamo tutti entusiasmati per quegli otto risultati utili di fila, per quel calcio spumeggiante, a tratti irresistibile che il Cagliari aveva messo in mostra negli ultimi due mesi. Sono bastate due sconfitte di seguito per far ripiombare i rossoblu nel baratro, ad un passo dalla C1 calcio-fifa .

    Non bisogna drammatizzare per i due ultimi passi falsi, ma c'è poco da scherzare.
    Il Cagliari è in calo, brusco, grave, inaspettato. I primi campanelli d'allarme già erano suonati a Genova, in quel primo tempo scellerato in cui i rossoblù andarono sotto di due goal. Il secondo tempo magnifico, con tre goal in quindici minuti, fece passare in secondo piano quei primi segnali di crisi.

    Il tonfo di Siena (giustificato anche un pò squallidamente col lutto per la scomparsa del povero Mayelè) evidentemente è stato sottovalutato dalla truppa sonettiana, che ieri ha ribadito il suo difficile momento cadendo rovinosamente al S.Elia.


  • Ci preoccupa l'ottimismo sparso a piene mani a fine partita e le dichiarazioni autoassolutorie dei protagonisti. Il Cagliari non ha giocato bene, per niente.
    Ha trotterellato per tutti i novanta minuti, ha mantenuto sempre il pallino del gioco, ma sempre blandamente e stancamente. A tratti sembrava una partita d'allenamento, inaccettabile per lo sparuto pubblico presente, ma meritevole a maggior ragione di tanto rispetto.

    L'Empoli ha giocato come il gatto col topo, ha atteso pazientemente e ha colpito non appena il Cagliari si è distratto. Decisiva la disastrosa marcatura di Sulcis su Di Natale nel secondo tempo; il furetto empolese ha fatto ciò che ha voluto, aveva sempre dieci metri a disposizione, ha potuto sempre ricevere tranquillamente i lanci dalle retrovie, senza che il bosano lo anticipasse una sola volta.
  • Non parliamo poi del pessimo momento (un pò lungo per la verità) di Suazo, che non la mette dentro neanche senza portiere.
    Unica consolazione, il miglioramento della forma di Cammarata, ma Abeijon, elemento determinante per il centrocampo, starà fermo due settimane.
    Domenica arriva, ancora al S.Elia, il Modena. I suoi numeri fanno spavento. Ha vinto più di tutti in trasferta e ha la miglior difesa del campionato fuori casa.
    La C è di nuovo dietro l'angolo, non sembra vero.
    Speriamo che la ricreazione sia finita.

Commenti

Post popolari in questo blog

LECCE 2 - 1 VENEZIA - parte 1

Si conclude a Lecce la deludente stagione 2001/2002 dei lagunari.

Mancava solamente l'ufficialità della retrocessione, finalmente sancita dalla freddezza dei numeri. Infatti, con ben 5 giornate d'anticipo, ecco che arriva anche la matematica ad annientare le residue e fantascientifiche speranze di salvezza degli arancioneroverdi; solo con un recupero da film da Oscar il Venezia avrebbe potuto rientrare nella lotta salvezza dopo un campionato d'andata così pessimo.
A dire la verità, già nelle partite di Coppa Italia e nelle prime cinque giornate, si erano trovati preoccupanti indizi circa la fragilità di questa squadra con una sola vittoria, fra l'altro sudatissima contro l'Ascoli, all'attivo.
Si aveva in effetti la sensazione di essere retrocessi già a fine settembre dopo le due sconfitte nei minuti di recupero con Inter e Bologna: 5 partite e 5 sconfitte sono uno svantaggio, soprattutto mentale, non indifferente.
Il Venezia conclude questo campionato…

De Canio - parte 2

E a quanto pare la "cura" De Canio è servita : le ultime giornate hanno restituito ai napoletani una squadra degna d'ambizioni d'alta quota. Il tecnico però cerca di andarci piano con gli eccessivi entusiasmi che potrebbero risultare, al contrario, spiacevoli scottature. Definisce il Napoli una squadra al momento affidabile che però continua ad essere un cantiere aperto: attualmente gli sforzi più intensi del tecnico e della squadra si concentrano sulla scelta del modulo tattico più opportuno da attuare.In quest'ottica, nelle ultime giornate, gli azzurri si sono presentati in campo con un 4-4-2 (che ha esaltato soprattutto le qualità di difensori e centrocampisti) più confacente alle caratteristiche degli attuali giocatori rispetto al precedente 3-5-2 tipico delle precedenti esperienze tecniche di De Canio.Lo scopo indicato è quello di raggiungere col tempo la quadratura del cerchio: portare a casa i risultati offrendo uno spettacolo calcistico degno di una squad…

LECCE 2 - 1 VENEZIA - fin

Dopo questa introduzione parliamo della partita di Lecce che ci ha accoppato definitivamente ? Va bene, partiamo dunque dal 5' minuto con il gol di Giacomazzi.
Una azione in velocità con tanto di tunnel finale a G.Rossi … già era chiaro il futuro di questo match in cui il Lecce doveva assolutamente fare i 3 punti per sperare ancora.
Per il resto del primo tempo si è visto un Venezia in avanti ma senza pungere poi troppo, con un Di Napoli volonterosissimo ma un po' precipitoso e con un Maniero che ha giocato veramente male, forse con la testa già lontana dal Venezia con cui quest'anno Pippo chiuderà un ciclo durato 4 anni (e per Maniero questo è già tanto se pensate che fino all'approdo in laguna aveva cambiato più squadre dei suoi anni di attività calcistica). Nella ripresa ecco un'altra gradevolissima sorpresa: entra al posto di Conteh un primavera, tal Patrizio Balleello, che in soli 11 minuti di esperienza in Serie A riesce a segnare un gran gol da …