Passa ai contenuti principali

FUT : Ciao ciao Juve, bentornato Toro

    "Non gioco più, me ne vado", cantava la più grande interprete della storia della canzone italiana qualche decennio fa. E' proprio ciò che ha confessato la vecchia signora domenica sera facendosi irretire da una frizzante Lazio in vena di dispetti.
    Così, è subito iniziato il processo dentro e fuori le segrete stanze sabaude teso ad individuare i perchè di una stagione che si annuncia fallimentare per i più severi, di assestamento per i più benevoli.

Divenne in pompa magna reginetta del mercato estivo, la Juve del figliol prodigo Lippi e della ringalluzzita troica Moggi-Giraudo-Bettega. 

Quattro acquisti roboanti e carissimi, un allenatore in vena di rivincite, un ambiente "liberato" dalla presenza dell'inviso Ancelotti (144 punti in due anni!). Tutti i tasselli sembravano al proprio posto, il clima era elettrico, la corazzata usciva dal cantiere potente e spavalda alla conquista dei mari.

Ben presto, però, i più avveduti cominciarono a sentire qualche scricchiolìo e alcune falle vennero alla luce. Il progetto lippiano, fondato sulla potenza, sul fosforo, sulla rabbiosa determinazione, denunciò fin dagli albori i suoi genetici limiti.
La Juve tutta muscoli e poco fascino, tutta bicipiti ma poco cervello, era costretta ad inseguire già dalle prime giornate.

Poi ecco la Champions e le falle diventano voragini. Ma l'orgoglio riemerge e allora via alla rimonta in campionato e al testa a testa con gli avversari, sebbene più dotati.

Infine la resa, dignitosa, orgogliosa, fiera, ma triste e forse inevitabile. Troppo debole il tasso tecnico generale, troppo ingombrante l'ombra di Zizou, troppo impalpabile il contributo di Del Piero, troppi contrattempi provenienti dai guerrieri (le bizze di Davids, il lento ambientamento di Nedved), pesanti e inaspettate le delusioni fornite dai tanto sognati e finalmente conquistati Buffon e Thuram. 

Forse troppo riscaldata la minestra lippiana, un ritorno caricato di esagerate aspettative, ma esempio ulteriore di glorioso passato che non può più diventare presente (ricordate i ritorni del Trap nella stessa Juve? di Sacchi e di Capello al Milan? di Liedholm alla Roma, etc.?).

Non è giusto tuttavia parlare di fallimento Juve, semplicemente perchè non era giusto troppo pretendere. Vogliamo andare controcorrente e osiamo azzardare che la signora ha fatto anche troppo, visti i mezzi a disposizione (non dimentichiamo l'infortunio del salvator della patria Salas).

Chi invece gioisce assai all'ombra della Mole è l'impertinente Toro di Camolese, viso da infante ma attributi da guerriero.

In tanti avrebbero (forse alcuni l'hanno anche fatto) scommesso sul defenestramento pre natalizio dell'esordiente tecnico o, come minimo, sulla retrocessione largamente anticipata dei granata. Tuttavia, il lavoro serio, concreto e paziente (altro che venditori di patacche!) sta facendo raccogliere frutti di pregiata qualità alla società di Cimminelli, tornata dopo parecchi anni nella colonna sinistra della classifica ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Juventus : La tattica

Mi dispiace che le affermazioni di Zidane e Ronaldo sull'eccessivo tatticismo che impera nel calcio italiano, e sul mediocre spettacolo che settimanalmente siamo costretti ad assorbirci se comparato alla Liga Spagnola dove il gusto dello spettacolo è ancora l'essenza del calcio, vengano relegate dalle più grandi testate giornalistiche in uno striminzito trafiletto al lato del giornale.
Occorrerebbe, invece, impegnare in un dibattito serio tutte le componenti del Calcio (dal Presidente federale al semplice tifoso) per cercare se non di porre fine, ma almeno di mitigare questo fenomeno tipicamente Italiano). Perchè se lo stato delle cose continua ad essere questo, saranno sempre più i calciatori che a parità di ingaggi (vedi Zidane) opteranno per campionati più divertenti e spettacolari dove la tattica è solo un parte, e non un elemento fondamentale. Il massaggiatore che non si trova Ho sempre creduto che il doping nel mondo del calcio, e principalmente in Italia non …

Francia-Italia - fin

La Francia comincia bene
La Francia è più intraprendente all’inizio del secondo tempo, con Henry che è quasi liberato da un passaggio di Zidane, ma Cannavero interviene prontamente. Al 49’ una grande discesa sulla sinistra lo spinge sulla linea di fondo, ma il preciso passaggio in profondità di Zidane arriva a pochi centimetri (milliones de crediti fifa 9. Ver sur FIFA 19 : crédits fifa 19 per acquistare ZIDANE )
Italia in vantaggio con Delvecchio
L’Italia sembra a corto di idee e di invenzioni e non è una grande sorpresa l’innesto di Del Piero al posto di Fiore al 53’. Pochi secondi dopo l’Italia va vicino al vantaggio, quando è Blanc a respingere disperatamente un pericoloso cross di Maldini. L’Italia passa comunque in vantaggio al 53’ con una manovra splendidamente semplice. Un colpo di tacco di Totti libera Pessotto sulla sinistra e il successivo cross elude Desailly, permettendo a Delvecchio di colpire al volo e di insaccare dalla breve distanza. È il primo gol del romanista in n…

Recensione di FIFA 19 - fine

Che calcio !

Parlando del comparto tecnico in particolare, FIFA 19 non presenta delle grandi innovazione a livello grafico, ma delle piccole accortezze sono state fatte. Le texture degli stadi sono migliorate e in alcuni casi, sono stati ricostruiti daccapo, come con l'Old Trafford, l'Allianz Arena, lo stadio della Juventus e lo Stadio Olimpico. Sono stati ridisegnati anche gli spalti, che adesso hanno un pubblico 3D e delle coreografie credibili e ciu non pué che migliorare l'atmosfera di gioco. Altro miglioramento grafico é dovuto al Face Scan, nuova tecnica usata da EA Sports, che permette di rendere i volti dei giocatori piu credibili, grazie alla mappatura laser. Il problema é che solo chi si é sottoposto a questo scan ha un volto credibile, in quanto il giocatore deve farlo in prima persona, mentre il resto ha le stesse texture utilizzate in FIFA
Per quanto riguarda la giocabilita, una volta abituati al nuovo sistema di difesa, il gioco scorre lisco, con decisament…