Passa ai contenuti principali

Inter Milan - Udinese 3 2

"L'importanza dei tre punti, ovvero non ci interessa il bel gioco"
    Una vittoria sofferta e arrivata faticando moltissimo quella contro l'Udinese per 3 a 2. In settimana i giocatori nerazzurri avevano dichiarato che non avrebbero cercato di esprimere un bel gioco ma che semplicemente si sarebbero messi in tasca i tre punti, ed è esattamente quello che è successo.
    Ora si potrebbe discutere per ore intere se è possibile vincere esprimendo un gioco spumeggiante oppure se questo è solo un utopia. Molti, come ad esempio i Sacchiani o gli Zemaniani, affermano che non solo è possibile ma che anzi è necessario per sentirsi veramente appagati. Ritengo però che la maggior parte dei tifosi sono di "bocca buona" e se la loro squadra vince sono felici e contenti a prescindere dal bel gioco.
    Prendiamo come esempio la Roma. I giallorossi hanno vinto 3 a 1 in Champions League contro il Barcellona dopo una brutta partita e un primo tempo addirittura pessimo. Se siete capaci trovate un tifoso della roma che sia insoddisfatto di questa partita e se lo trovate perfavore portatemelo e fatemelo vedere. Grazie.
  • La verità è che con il calcio di oggi, condito abbondantemente da turni infrasettimanali di coppa, turnover, infortuni, squalifiche, appannamenti fisici e picologici, le squadre sono per forza costrette a cercare di vincere in qualsiasi modo, senza badare troppo alle finezze.
    E poi chi ha detto che una squadra che si difende in massa e poi riparte in contropiede segnando la rete decisiva oppure quella che attacca in massa segnando un paio di gol e poi si rinchiude tutta in difesa, non giochino piu' che bene? Dipende dai gusti dello spettatore. O no???
  • Ora comunque per l'Internazionale inizia il Marzo delle verità. Ritorno di U.e.f.a. contro l'Aek, derby, Juventus, Lecce e Roma. Aspettiamo i risultati di questi match e sapremo certamente quale sarà a grandi linee il finale di stagione nerazzurro.
    Per ora bisogna crederci ed essere assolutamente soddisfatti della squadra, se non per il bel gioco almeno per l'impegno, la grinta e l'unione dei "ragazzi".
    Non bisogna mollare mai !!!

Commenti

Post popolari in questo blog

LECCE 2 - 1 VENEZIA - parte 1

Si conclude a Lecce la deludente stagione 2001/2002 dei lagunari.

Mancava solamente l'ufficialità della retrocessione, finalmente sancita dalla freddezza dei numeri. Infatti, con ben 5 giornate d'anticipo, ecco che arriva anche la matematica ad annientare le residue e fantascientifiche speranze di salvezza degli arancioneroverdi; solo con un recupero da film da Oscar il Venezia avrebbe potuto rientrare nella lotta salvezza dopo un campionato d'andata così pessimo.
A dire la verità, già nelle partite di Coppa Italia e nelle prime cinque giornate, si erano trovati preoccupanti indizi circa la fragilità di questa squadra con una sola vittoria, fra l'altro sudatissima contro l'Ascoli, all'attivo.
Si aveva in effetti la sensazione di essere retrocessi già a fine settembre dopo le due sconfitte nei minuti di recupero con Inter e Bologna: 5 partite e 5 sconfitte sono uno svantaggio, soprattutto mentale, non indifferente.
Il Venezia conclude questo campionato…

De Canio - parte 2

E a quanto pare la "cura" De Canio è servita : le ultime giornate hanno restituito ai napoletani una squadra degna d'ambizioni d'alta quota. Il tecnico però cerca di andarci piano con gli eccessivi entusiasmi che potrebbero risultare, al contrario, spiacevoli scottature. Definisce il Napoli una squadra al momento affidabile che però continua ad essere un cantiere aperto: attualmente gli sforzi più intensi del tecnico e della squadra si concentrano sulla scelta del modulo tattico più opportuno da attuare.In quest'ottica, nelle ultime giornate, gli azzurri si sono presentati in campo con un 4-4-2 (che ha esaltato soprattutto le qualità di difensori e centrocampisti) più confacente alle caratteristiche degli attuali giocatori rispetto al precedente 3-5-2 tipico delle precedenti esperienze tecniche di De Canio.Lo scopo indicato è quello di raggiungere col tempo la quadratura del cerchio: portare a casa i risultati offrendo uno spettacolo calcistico degno di una squad…

Serie A : Campionato

Il Milan all'inferno La scelta di Ancelotti,  caldeggiato da molti già al momento dalla presentazione di Terim (paradossale vero?) da parte della dirigenza milanista, non sta dando i benefici sperati, anzi ha compromesso seriamente il proseguo sia del campionato, che della coppa Italia, ed il gioco è scaduto anche dal punto di vista spettacolare. Naturamente non si può gettare la croce esclusivamente sul tecnico milanista, in quanto non ha partecipato alla costruzione della squadra, anzi, di qualche giocatore ne avrebbe fatto volentieri a meno (state tutti pensando ad Inzaghi vero?)